Happy Mothers Breastfed Babies
Help 
  Forgot Your LLLID? or Create Your LLLID Here
La Leche League International
To Find local support:  Or: Use the Map




FAQ (le domande più frequenti) sull'allattamento:
BREVI RISPOSTE ALLE DOMANDE RICORRENTI SULL’ALLATTAMENTO
(Quick answers to the most frequently asked questions)

Le domande rivolte più frequentemente al sito LLL sono state raggruppate per argomento insieme alle relative risposte, redatte dalle consulenti LLL responsabili dell'aggiornamento del sito.

Per ciascun argomento vengono presentati diversi punti di vista e informazioni a carattere generale che non devono essere considerate alla stregua di prescrizioni mediche né come indicazioni automaticamente valide per tutti gli stili di vita e per tutte le famiglie. Per qualsiasi approfondimento, vi rimandiamo alla lista delle pubblicazioni LLL e vi invitiamo a contattare la consulente LLL più vicina a voi.

BREVE RISPOSTE ALLE DOMANDE RICORRENTI SULL’ALLATTAMENTO
(Quick answers to the most frequently asked questions)
di Karen Zeretzke, MEd, IBCLC, Consulente La Leche League di Baton Rouge, Louisiana, USA

copyright ©1996, materiale utilizzato con il consenso dell’autore.

Di seguito sono riportate le risposte alle domande che ci vengono poste più di frequente in merito all’allattamento. Forse troverete anche voi la risposta che cercate!

Allattare fa male?

NO! Se sentite male è perché il bambino non è attaccato bene: staccatelo e riprovate.

Come faccio a sapere se il bambino prende abbastanza latte?

Una volta arrivato il latte, vale la teoria secondo la quale "quel che entra da una parte, esce dall’altra": se il bambino bagna 4-6 pannolini usa e getta al giorno (oppure 6-8 pannolini di tessuto) e si scarica 3-4 volte nell’arco delle 24 ore, vuol dire che riceve latte a sufficienza.

Posso allattare senza espormi troppo?

Certamente! Oltre ai capi di abbigliamento creati appositamente per facilitare l’allattamento, potete indossare completi a due pezzi e sollevare la camicia o la maglia dalla vita in su. Appoggiate sulla spalla una copertina o il telo che usate normalmente per proteggervi dai rigurgiti: vi sentirete ancor più riparata. Fate un po’ di esercizio davanti allo specchio finché non vi sentite sicure di non mostrare ciò che non volete mostrare...

E io cosa ci "guadagno"?

Un bambino più in gamba e più sano, che ha meno probabilità di manifestare allergie. Voi stesse correrete meno rischi di sviluppare un tumore al seno, alle ovaie o al collo dell’utero. Ritornerete in forma più in fretta. Creerete un meraviglioso e duraturo legame con il vostro bambino. E poi è così facile: niente da preparare, da comprare o da pulire!

Posso allattare se ho un seno piccolo?

Sì! La dimensione del seno non ha nulla a che vedere con la produzione del latte. Sono i cambiamenti del seno nel corso dei primi mesi della gravidanza che lo mettono in grado di produrre latte.

Dovrò rinunciare a cibi che mi piacciono?

Niente affatto. Seguite una dieta ben equilibrata e, se volete, continuate pure con le vitamine che prendevate in gravidanza, anche durante l’allattamento. Solo nel caso in cui il padre del bambino sia decisamente allergico ad uno o più alimenti, sarà bene eliminarli dalla vostra dieta - e da quella del bambino.

L’allattamento sarà un vincolo per me?

Non direi. Durante i primi mesi, un bambino allattato al seno è facilmente "trasportabile". Basta che portiate con voi qualche pannolino in più o un cambio per il bambino e via! Quando sarà più grande, potrete sempre estrarvi il latte con un tiralatte perché venga dato al bambino mentre siete fuori.

Quanto dura la poppata?

Quando il bambino è appena nato, le poppate durano di solito dai 15 ai 20 minuti per ciascun lato e molte mamme offrono entrambi i seni al bambino ad ogni poppata. Se il bambino si addormenta, cominciate la poppata successiva dal lato che non è stato svuotato nella precedente. Più avanti, man mano che il bambino diventa più efficiente, un intero pasto può durare anche solo 10-15 minuti!

Cosa c’è di tanto speciale nel latte umano?

Il vostro corpo lo produce espressamente per il vostro bambino. La funzione originaria del latte vaccino è di nutrire i vitelli. Ogni volta che il vostro bambino succhia il vostro latte, ottiene protezione da tutto ciò cui voi e lui siete stati esposti. Oltre a tutto ciò che gli serve per lo sviluppo cerebrale e una crescita perfetta.

Perché si dice che l’allattamento è importante?

Alla nascita, un bambino possiede l’intero patrimonio immunitario della madre, ma non ha un proprio sistema immunitario, finché a 6 settimane compaiono i primi deboli segnali. All’età di 6 mesi, il bambino avrà un sistema immunitario funzionale ma ancora immaturo, che lo aiuterà a rimanere sano e libero da allergie. Il latte materno fornisce al bambino tutti i fattori immunitari di cui ha bisogno finché non è in grado di crearseli da solo.

Perché allattare, se già so che dovrò tornare al lavoro (o aglistudi)?

Una volta tornate al lavoro o agli studi, potrete sempre estrarvi il latte con un tiralatte oppure far dare il biberon al bambino quando siete assenti. Potrete anche aver bisogno di spremervi il latte per alcuni giorni, fin tanto che non sentirete il seno meno gonfio: il vostro corpo si adatterà, esattamente come succederà quando il vostro bambino comincerà a dormire tutta la notte.

Sarò in grado di soddisfare il mio bambino?

Il seno umano è "progettato" in modo tale da produrre il latte man mano che questo viene consumato, in base al principio dell’equilibrio tra domanda e offerta. Prima che i biberon prendessero il sopravvento, ci si aspettava che ogni madre nutrisse il suo bambino, senza troppe preoccupazioni. Lasciate che il bambino sia libero di poppare quanto vuole ogni 2 - 3 ore nei primi tempi, e vedrete che avrete abbastanza latte.

E il padre? Non si sentirà escluso, non occupandosi dell’alimentazione del bambino?

Ci sono moltissime cose che un papà può fare oltre a nutrire il suo bambino. Il bagnetto è un prezioso momento di contatto pelle-a-pelle e anche di divertimento! Può sedersi accanto a voi mentre allattate e massaggiarvi le spalle tra le scapole, e vedrete che al bambino probabilmente spunteranno dei baffi di latte.... Sentite come deglutisce velocemente? Cullare il bambino, tenerlo in braccio, fargli le coccole e giocare con lui, sono tutti modi di prendersi cura del bambino, che fanno sentire al papà tutta l’importanza del suo ruolo.

A chi mi posso rivolgere se ho bisogno di informazioni o di aiuto?

Chiamate la vostra consulente LLL. Se non saprà rispondervi direttamente, avrà comunque modo di aiutarvi.

Il bambino non mi morderà, vero?

Se il bambino poppa correttamente, prima di mordere voi morderebbe la sua stessa lingua! I denti di solito non compaiono prima del 5° o 6° mese e a questo punto sarete senz’altro in grado di riconoscere i suoi messaggi.

Traduzione a cura di Raffaella Brignardello Fantoni.

L'ultimo aggiornamento è stato fatto il 02/01/07 da jlm.
Page last edited .


Bookmark and Share