Happy Mothers Breastfed Babies
Help 
  Forgot Your LLLID? or Create Your LLLID Here
La Leche League International
To Find local support:  Or: Use the Map




Articoli dalle nostre riviste per genitori

Gelosia tra fratelli
(Sibling Rivalry)

da New Beginnings maggio-giugno 1995.

Una mamma ci scrive:

Ho un figlio di quattro anni e una figlia di due anni e mezzo. Il termine "Gelosia tra fratelli" non incomincia neanche a descrivere quello che succede in casa mia; "guerra civile" sarebbe il termine più adatto. I miei figli non riescono ad andare d'accordo per più di cinque minuti prima che comincino i pizzicotti, pugni, calci e morsi. Ho provato di tutto: separarli per brevi periodi, togliere giochi, dare ricompense speciali, parlare, chiedere loro di disegnare i loro sentimenti e, anche se non è una cosa che faccio a cuor leggero, sculacciate. Non ne posso più di tutta questa animosità e rabbia. Cosa posso fare?

Altre mamme hanno risposto:

Hai tutta la mia comprensione. è molto difficile vedere i figli a cui vuoi tanto bene che si fanno del male. Fino a qualche mese fa, le lotte tra i miei due erano al culmine. Ogni mattina temevo le battaglie inevitabili che sapevo sarebbero state parte della giornata. Avevo veramente paura che qualcuno si sarebbe fatto del male, dato che a volte i miei figli graffiavano, davano pugni, calci e si lanciavano contro oggetti. Avevamo bisogno di lavorare seriamente su questo problema.

Ora, anche se c'è ancora qualche battaglia, c'è stato un enorme miglioramento; sia la frequenza che la durata delle loro lotte sono diminuite. Ecco qualche idea che ha funzionato per noi.

Per primo ho esaminato i miei metodi di risolvere conflitti e ho determinato fino a che punto non ero un modello ideale nel modo in cui fronteggiavo i disaccordi. Secondo, ho messo da parte qualche speranza irragionevole e ho accettato il fatto che dei fratelli non andranno sempre d'accordo. Mi ha aiutato ricordare come mio fratello ed io litigavamo quando eravamo piccoli; solo in seguito siamo diventati buoni amici.

Poi ho deciso delle priorità. La sicurezza era il numero uno, il che voleva dire a volte mettermi in piedi tra i due e tenerli separati. Oggetti potenzialmente pericolosi che potevano essere usati per far del male a qualcuno dovevano essere subito rimossi. Il mio scopo principale era aiutare i miei figli a vivere insieme con un minimo di pace e armonia. Spesso questo voleva dire tralasciare altre cose tipo lavori domestici o telefonate, perché la mia presenza e il mio intervento tempestivo potevano disinnescare un bel po' di battaglie, quando cominciavano ad arrabbiarsi. I bambini piccoli comunicano spesso fisicamente, ed hanno poco autocontrollo. Ho dovuto assumere un ruolo attivo nel risolvere il confitto. Il libro Siblinqs Without Rivalry scritto da Adele Faber ed Elaine Mazlish potrebbe aiutarti a capire i sentimenti dietro le azioni dei tuoi figli; ma le soluzioni non si applicano tanto facilmente a bambini piccoli.

Le punizioni non hanno mai funzionato per noi. Sculacciare crea soltanto più rabbia e sentimenti negativi. Insegnare le basi - non picchiare, non afferrare; condividere, fare a turno, ecc., è stato più efficace. Altre strategie includono l'insegnare ai bambini parole con cui esprimere i loro sentimenti, ed insegnare loro altri sfoghi accettabili per la rabbia, come dare pugni ai cuscini o dare calci al pallone. Man mano che i miei figli diventavano più verbali, l'espressione fisica dei loro sentimenti tendeva a diminuire. Si è rivelato utile tenerli occupati con attività che gli piacevano, specialmente all'aperto. Ho scoperto che un po' di tempo a tu per tu faceva miracoli. Questo si otteneva più facilmente quando mio marito era in casa. Più importante ancora è cercare di concentrarti sulle loro migliori qualità, ogni volta che puoi.
Tutto questo richiede tanto tempo e coinvolgimento, ma vale la pena. Andare d'accordo con gli altri è una capacità di cui i bambini avranno bisogno per tutta la vita. Personalmente la preghiera è stata una fonte di grande aiuto per me. In uno spirito di amore e rispetto possiamo guidare i nostri figli attraverso tutto questo, e tutti quanti possiamo crescere.
L. S.

Anch'io ho un figlio di quattro anni e una figlia di due anni e mezzo. Ho trovato che quando vengono chiarite sia le richieste che le conseguenze, il comportamento dei miei figli migliora nettamente. Naturalmente abbiamo giornate sì e giornate no. I giorni più difficili sembrano essere quelli in cui non soddisfo i miei bisogni o sono distratta da altri problemi, a volte stressanti. Fortunatamente, quando la mia seconda figlia è nata ho assistito ad una conferenza LLL, e ho imparato delle cose sulla gelosia fraterna che hanno funzionato.

Dal momento in cui ho capito che mia figlia sapeva difendersi dal fratello, mi sono tenuta fuori dalle loro liti. Una situazione tipica funziona un po' così: io sono in un'altra stanza e sento cominciare una lite per un giocattolo. Uno dei due piange e viene da me per farsi aiutare a riaverlo. Io gli dico di tornare dall'altro e chiedere gentilmente ciò che vuole. Sorprendentemente, l'altro bambino spesso acconsente. Credo che molte di queste liti siano una richiesta di attenzione, quindi interpreto queste situazioni come indice di quanta attenzione gli sto dando quel giorno.

Quando la situazione è più seria, per esempio quando qualcuno si fa male o una cosa pericolosa sta succedendo, uso un tono di voce che è molto diverso da quello che uso di solito. Questa voce è quasi un sussurro. Mi avvicino al bambino che sta causando la situazione e gli metto la mano sulla spalla. Col viso molto serio, gli dico quel che e stato fatto di sbagliato e gli dico perché era sbagliato. Se il comportamento non si ferma, il bambino che sta sbagliando viene mandato in un'altra stanza finché non acconsente alla mia richiesta di smettere. Quando il bambino torna, chiedo che mi dica cos'era il comportamento inaccettabile e che chieda scusa alla persona che era il bersaglio di questo comportamento. In questo modo il bambino impara cos'è un comportamento inaccettabile, oltre a cosa fare quando succede. Questa tecnica deve essere usata in modo coerente per poter far effetto.
J. L.

Capisco Il tuo problema. Anch'io ho due figlie di due e cinque anni. Anche noi abbiamo le nostre brutte giornate quando sembra che ce l'hanno a morte l'una con l'altra, e non è difficile farsi tirare dentro alla mischia. Vorrei condividere delle idee che potrebbero aiutare.

I litigi tra bambini di questa età sono un problema difficile, perché le loro capacita verbali sono ancora limitate. La frustrazione porta velocemente al conflitto fisico. Mi ha aiutato riflettere sul ruolo che assumevo nel risolvere le dispute delle mie figlie. Cerco sempre di non intromettermi nei loro problemi. Se sento "Ha preso la mia palla!" Rispondo qualcosa tipo "Dille di ridartela!" Se sento "Mi sta dando calci!" potrei dire, "Dille di smettere!" Sembra troppo facile, ma spesso le mie figlie partono da lì e risolvono il problema da sole. La cosa importante è fare in modo che parlino tra loro e non attraverso me.

Cerco anche di non distrarmi chiedendo spiegazioni del perché stanno litigando o chi ha iniziato. Cerco invece di incoraggiarle a dire in modo semplice cosa vogliono o di cosa hanno bisogno ora, e come si sentono. Da lì possono imparare altre strategie per evitare o risolvere conflitti, come il fare a turni, cercare un compromesso o andarsene.
Faccio comunque capire il mio dispiacere verso un comportamento negativo. A volte dico "picchiare non va bene" senza dare una colpa o punizione per una cosa che è essenzialmente un comportamento normale per quest'età. Può essere utile determinare se c'è un'ora o situazione particolare della giornata che peggiora la capacità delle mie figlie di andare d'accordo. Se c'è, qualche cambiamento potrebbe interrompere questa catena. Una passeggiata fuori o un gioco strutturato può distrarle ed incoraggiare la cooperazione. Un momento abituale durante la giornata quando ognuno fa qualche lavoretto semplice in casa può evidenziare come lavoriamo bene insieme. Se i litigi scoppiano più spesso quando le mie figlie sono troppo eccitate, stanche o affamate, si può risolvere nel modo più adatto al caso. Infine, credo che le mamme che stanno con bambini piccoli tutto il giorno devono ricordarsi di avere cura di se stesse, per poter fronteggiare la sfida di essere genitori di bambini di questa età. Quando mi sento stanca, arrabbiata o seccata, è difficile tirare fuori il meglio di me e rispondere nel modo giusto ai bisogni delle mie figlie.
K. K.

Guerra civile. Sì, capisco la sensazione. E’ imbarazzante in presenza di altri, e ti lascia alla fine della giornata con l'angoscia dell'inizio della prossima. I miei figli hanno diciotto, quindici e dieci anni. Viviamo in questa guerra tra fratelli da quando erano in due. Abbiamo provato innumerevole tattiche, qualcuna con più successo di altre. Il problema sembra sempre gravitare attorno al nostro figlio di mezzo. Le sue sorelle non sono sempre senza colpe, naturalmente, ma sembra che lui sia l'unico sempre a prendere in giro o picchiare la sorellina o ad essere sgradevole con la maggiore. Per anni mi sono preoccupata del perché di così tanta infelicità. Una guida amorevole aveva funzionato cosi bene con le ragazze…dove avevo sbagliato con mio figlio?

Poi, nell'autunno del 1994, la mia co-consulente, Claudy, ha condotto una incontro di "Arrichimento del gruppo" sulle allergie. Ha condiviso le sue esperienze e mi ha prestato il suo libro, "Is This Your Child?" di Doris Rapp: mi ha veramente illuminata. Parla di diverse allergie nascoste, all'ambiente o al cibo, e tanti dei sintomi che lei descriveva si addicevano a mio figlio. Non abbiamo seguito rigorosamente la dieta o fatto fare dei test come lei suggerisce, ma abbiamo limitato la sua consumazione del latte e derivanti e abbiamo notato un grande miglioramento.

Le cose adesso non sono perfette, ma la vita adesso è meno stressante. Le prese in giro, urli e risse sono diminuite in modo drammatico, e la mia pressione del sangue non si alza più automaticamente quando i bambini sono nella stessa stanza insieme. Sono sicura che il comportamento di mio figlio potrebbe migliorare ancora di più se eliminasse solo tutti i latticini dalla sua dieta. Ma lui adesso è un adolescente che deve decidere da sé per queste cose. Le allergie potrebbero non essere il motivo per cui tuoi figli litigano in continuazione, ma vale la pena indagare. Buona fortuna.
M.S.

I tuoi figli sembrano normali e sani; anche le tue preoccupazioni per i litigi sembrano normali e sane. Sembra che tu abbia già utilizzato la maggior parte delle tecniche che la nostra generazione ha imparato, compreso alcune che sono nei libri di puericultura più moderni. Vorrei suggerirti un approccio diverso, quello che funziona bene per la nostra famiglia.

Spesso è più facile ottenere certi comportamenti, per esempio interazioni pacifiche con fratelli, se si evita metodi coercitivi come periodi di silenzio e punizioni. Ho trovato molto più utile dare ai miei figli i mezzi che possono mettere in atto per poter cambiare il proprio comportamento.

Quindi quando il mio figlio di due anni, Logan, picchia la sorella Whitney di cinque anni, chiedo a lui di dire alla sorella che è arrabbiato e poi baciare il punto che ha picchiato e chiedere scusa. Anche quando era troppo piccolo per dire "mi dispiace", era in grado di fare il gesto per quella frase e cioè fare un cerchietto con il pugno sul proprio letto. Quando Whitney urla a Logan, cerco di aiutarla spiegando che deve esprimere la sua rabbia in modo che "non picchicon parole".

Insisto su un comportamento rispettoso: che non ci siano insulti, e che chiedano scusa quando qualcuno si fa male. Permetto ai miei figli di guardare solo alcuni programmi televisivi selezionati, in modo che non siano influenzati dalla violenza che è così prevalente. Se uno dei bambini perde un privilegio - dover rinunciare a un giocattolo per esempio - questo viene immediatamente restituito quando il bambino ha riformulato l'accusa e/o chiesto scusa. Questo dà ai miei figli di un senso di controllo sulle loro vite e il loro comportamento.

Faccio questa cosa più volte, giorno dopo giorno. A volte sembra artificiale, anche futile ma, come qualunque altra cosa, si perfeziona con la pratica. I bambini sono impotenti in così tanti modi, e io capisco il loro desiderio di esercitare il potere che hanno su altri bambini. Ma so anche che sono grati per lezioni specifiche su come far funzionare le cose in modo migliore. Loro godono il sentimento di sicurezza emotiva e fisica, che accompagna la capacità di cavarsela bene, tanto quanto io godo la pace.
H.H.

La rivalità fra i fratelli è stata una questione importante anche a casa mia. Infatti non riesco ricordarmi nessuna madre che non abbia avuto a che fare con questo problema. Non sarebbe favoloso se la rivalità fra i fratelli potesse sparire semplicemente con uno schiocco delle dita?

Richiede, sì, tempo e sforzo, ma i bambini hanno veramente bisogno di una guida. I miei figli hanno bisogno del mio intervento. Sono molto giovani, incapaci di esprimersi in modo completo, e a volte cercano di sopraffarsi. I miei figli vanno bene d'accordo quando io pongo dei limiti sul loro comportamento e rinforzo questi limiti in modo consistente. Ho imparato a riconoscere le situazioni che portano frequentemente ad un conflitto fra di loro. Sembrano litigare di più quando:

1. C'è tensione in casa
2. C'è stata troppa attività o siamo stati in giro più del solito
3. Siamo stati chiusi dentro casa per troppo tempo
4. Uno di loro è malato e non vuole essere disturbato dall'altro
5. Uno di loro ha bisogno di un po' di attenzione da me o da mio marito
6. Uno di loro è arrabbiato con me e decide di scaricarsi sull'altro.

È difficile a volte per i bambini essere insieme anche quando ci sono io, se hanno bisogno di un po' di tempo a tu per tu solo con me o con loro padre. è anche meglio non contare sul fatto che giochino bene insieme tutto il tempo. Per esempio, Jacob, mio figlio di quattro anni, ama assemblare i binari del trenino; certo non apprezza che il fratello li prenda e li lanci dall'altra parte della stanza. è anche stato un grande successo fare altri giochi insieme come famiglia. I ragazzi si divertono a giocare a nascondino. Collaborano fra loro mentre cercano qualcun altro.

A volte giocano insieme veramente bene. Credo che abbiano bisogno di sentire le lodi per il loro comportamento da me ugualmente spesso, o forse anche più spesso, quando hanno periodi di gioco buoni. Quant'è bello vederli giocare insieme così bene! A volte spiego più specificamente quello che io gli vedo fare che mi fa piacere. Cerco anche di ricordarmi di dire al mio marito quanto vanno d'accordo, assicurandomi che i ragazzi possano sentirmi quando lo faccio.

Mi ha aiutato molto riconoscere che i bambini hanno dei limiti. Cambiare la tua percezione di quello che sono questi limiti potrebbe aiutarti a trovare le energie di cui hai bisogno per spingere i bambini a migliorare con il tempo. è anche d'aiuto non confrontarsi uno con l'altro o dimostrare favoritismo, cosa che alcuni genitori fanno senza rendersene conto. Di' ai tuoi figli che li ami e ricordati spesso che "anche questo passerà". Coraggio, tutti noi partecipiamo in quest'avventura. Per fortuna possiamo sostenerci a vicenda - anche se siamo molto lontani.
M.M.


Traduzione a cura di Susan Denny.

L'ultimo aggiornamento è stato fatto il 02/01/07 da jlm.
Page last edited .


Bookmark and Share